IL SENNO DEL POP-OLARE

Mirco Menna 01_musicaintornoLa proposta musicale di Mirco Menna è un lieto pop.

Lo si può già rintracciare nella canzone che dà inizio all’album, ossia Portati da un fulmine.

La seguente Arriverai è una ballata soft, ovviamente nei territori testuali del sentimento amoroso.

La terza song è Così passiamo feat. Silvia Donati: pezzo visionario da tribolati viveur.

Sole nascente feat. Gianni Coscia si poggia su un immaginario dolente, ben sorretto dalla band di Menna. Ancora, Il descaffalatore è un pezzo piuttosto convincente sulla precarietà del lavoratore odierno: frames di una vita paradossale. Ora che vai via si discosta a sua volta dal verace sarcasmo della canzone precedente, per planare un’altra volta lungo i simboli dell’amore decadente. Prima che sia troppo tardi feat. Zibba dà un’accelerata sulla ritmica: pezzo che si caratterizza su un “gioco” testuale fantasioso su questi giorni pieni di acriticità.

Il senno del pop (la title track) è nuovamente un’allegra ballata tratteggiante una vita da scanzonati bohemien. Da qui a domani (live) ci offre un’istantanea che si serve della metafora del mercato per descrivere un’umanità variopinta. La canzone finale è Chiedo scusa se parlo di Maria: un brano stravagante che si basa su un impianto testuale sì valido, ma che avrebbe fatto la sua buona figura nei ’70 del secolo scorso (forse a Menna piace Stefano Rosso).

Mirco Menna 02_musicaintorno

Insomma, un buon disco di musica pop-olare che potremmo affidare, certamente senza steccati, ai seguaci di Capossela e Mannarino.

 

Giandomenico Morabito

Related posts