“ESSE O ESSE”, ROCK D’IMPATTO SENZA SCONTATE ABRASIVITÀ

Sul limitare dell’estate vi raccontiamo un album di rock italiano che ci va di segnalarvi: si tratta di “Esse o esse”, l’ultima fatica dei lombardi Bruco S.O.S. Save Our Souls.

La band prevede Marco Ferri “Bruco” (voce ed autore), Cristian Rocco (chitarra), Stefano Guidi (batteria) e Mauro Guidi (basso). Scorrendo la tracklist notiamo una proposta musicale degna di nota, se pensiamo al brano inziale “Venere acida”, così come il seguente “Non mi fermare”.

Rock d’impatto senza scontate abrasività. Amarezza affiora in un episodio come “E non sai come sei”. Una certa positività invece emerge da altre canzoni il cui lato testuale è segnato da freschezza e da altrettanta riflessività (“Madre” e “Ancora vivere”).

Da segnalare il lavoro chitarristico di Cristian Rocco, che determina qualitativamente il tasso compositivo di questa raccolta. Continuando nell’ascolto “Corri Luna” sembra la canzone manifesto del gruppo: costruttività ed energia rock. “Ancora un’ora” conferma il dato di ariosità di un gruppo che non vuole sciogliersi nella facile negatività a favore di un messaggio di facile presa, ma non banale. La track finale “Presidente” cova i tratti di un sano realismo polemico nei confronti dell’attuale assetto politico, stridendo legittimamente col resto delle canzoni inserite nel cd, lascando all’ascoltatore qualche minuto di libero pensiero.

“Esse o esse” è un disco di buon rock italiano, che assimila i tratti di una contemporaneità che può anche essere letta con una certa spensieratezza, da non intendersi come disillusione ma con semplice voglia di vivere e non morbosa e reiterata autodistruzione.

 

Giandomenico Morabito

Related posts