ON STAGE IL “CONCERTO VERSATILE” DI ANTONELLA RUGGIERO

antonellaruggiero5Nella bellissima location di piazza del Carmine, ospite d’onore è stata Antonella Ruggiero, storica e splendida voce dei Matia Bazar. La voce suadente di “Vacanze romane” è accompagnata alle tastiere da Mark Harris, polistrumentista americano che vanta una lunga carriera anche come produttore di artisti del calibro di Fabrizio De André, Laura Pausini, Pino Daniele, Renato Zero

… e da Roberto Colombo, marito della cantante, il quale, oltre alla collaborazione con la Premiata Forneria Marconi, ha prodotto i lavori di Celentano, Le Orme e Jannacci, per citarne alcuni. Un concerto, quello a cui noi di Musica Intorno abbiamo assistito, che Antonella Ruggiero definisce quasi un “viaggio” attraverso il quale ci e si racconta con i brani più conosciuti del repertorio dei Matia Bazar e alcuni dei pezzi che hanno caratterizzato una prestigiosa carriera da solista, senza dimenticare l’esperienza fatta in India, “parte importantissima della sua crescita, non solo professionale ma soprattutto umana”.

antonellaruggiero11Ampio spazio anche ai brani appartenenti alle musiche sacre tradizionali a lei molto care: toccante l’esecuzione di “Respondemos”, pezzo della tradizione ebraica, che ha cantato anche nella sinagoga di Berlino. Non mancano poi gli omaggi ai grandi artisti italiani: “La canzone dell’amore perduto” di De André emoziona e vibra.

Ed è davvero “versatile” lo stile inconfondibile con cui la cantante genovese ci accompagna nel suo percorso musicale e di vita, in un intreccio di storie che passano attraverso il pop, la musica tradizionale religiosa, per giungere alle tinte più raffinate della musica d’autore con la quale sono state scritte pagine di storia della Canzone italiana.

antonellaruggiero14

Un’esibizione elegante e coinvolgente alla quale il pubblico numeroso (fatto soprattutto di giovani) ha risposto con grande partecipazione. Una serata speciale incastonata dentro una cornice del tutto particolare; l’ennesima dimostrazione che la Musica, quella con la M maiuscola, non ha età.

 

Fabrizio Campagnoli

Related posts