“NIGHT RIDE”, TRA IDENTITÀ SONORA E NUOVE CONTAMINAZIONI

“Night ride” (RedTomato Records, 2018) della band pugliese Municipale Balcanica ci garantisce pieno coinvolgimento all’ascolto, grazie al ritmo trascinante che si apprezza già nell’iniziale “Constellation”.

La seguente “Transilvania party hard” è un invito al ballo sotto la costante influenza della musica balcanica.

“Kill slow, kill fast”, “Rusty” e “Martin got lost” ci indicano le coordinate di una band poliedrica. “Polvo y suenos” è cantata in spagnolo con il suo immaginario simbolico. “Ogni stella” è poeticità notturna, tra le stradine di una città. “Deserto, non deserto” ci conduce alla danza, a testimonianza di un disco che vuole lasciare il segno, improntato alla purezza vivida di quest’esistenza.

 

Giandomenico Morabito

Related posts