“IL CERCHIO DELLA VITA”, GIACOMO MARIGHELLI

giacomo-marighelli-il-cerchio1_musicaintornoLa cantina appena sotto la vita, 2016

Giacomo Marighelli propone questo suo Lp, in uscita il 21 settembre.

L’iniziale “Avrei voluto masticare il tuo cuore” è un’aspra ballad, dal sapore crudo, lungo i percorsi esistenziali dell’affezione amorosa.

Il brano successivo “Sei tu quella che aspettavo da tempo?” è un’altra piccola cavalcata, piena di metafore sul desiderio. “D’amore si vive” è una struggente track, anche questa basata su un leitmotiv acustico, che è corroborato da una chitarra elettrica. “Mentre tu mi cerchi” è un flashback su un passato in cui è un’altra volta l’affetto a predominare. “Le cose cambiano” è un affresco doloroso e patito su una relazione vissuta intensamente. “L’angelo dalle mani di tela” mischia la voce di Marighelli con quella di un bambino, che dipinge una vita ancora sofferente.

giacomo-marighelli-il-cerchio2_musicaintorno

“Il grillo che fischia” cova una caratterizzazione testuale bucolica mischiata con un esistenzialismo sofferto, fattore che può essere notato anche in alcune canzoni precedenti. “In solitudine” è un’arringa viscerale su un sentimento che toglie fiato. “Il dio Denaro” è un’altra ballad più ariosa rispetto alle altre.

“Il cerchio della vita” ritorna sul tema della liberazione individuale, tanto auspicata quanto travagliata. La finale “La ragazza invisibile” è l’inevitabile ritratto di un’esperienza che non trova redenzione nelle umane e facili appetenze.

 

 

Giandomenico Morabito

Related posts